11. Bioculture:
Orgogliosi e violenti

Tornate all'indice degli articoli
Tornate alla sala saggistica

Tobia, infastidito dal ronzio di una mosca, l'afferrò delicatamente per le ali, impresa certo non facile e, aperta la finestra, la spinse fuori dalla stanza facendole notare che il mondo era abbastanza grande perché entrambi potessero vivere senza disturbarsi reciprocamente.
Tobia, indimenticabile personaggio nel panorama alquanto tenebroso del romanticismo inglese, colpisce per la sua bonarietà; comunque non si sarebbe potuto definirlo persona aggressiva se si fosse liberato della sua fastidiosa mosca ricorrendo a metodi più cruenti; molti comportamenti di tipo aggressivo sono dunque dettati da esigenze di difesa ma anche dalla necessità di alimentarsi. Muscoli, viscere, cervelli, ossa sono ingurgitati, spolpati, masticati o assimilati lentamente, a seconda delle preferenze e dei modelli nutrizionali del predatore. Il gatto selvatico è adattato a catturare piccole prede come topi, lucertole o insetti che ha inserito nella sua naturale lista dei cibi, percependoli semplicemente come oggetti finalizzati a sopperire al suo bisogno alimentare.

Maschi bestiali           L'agressivitÓ           Il matriarcato

Tali forme di aggressività vengono esercitate tra membri di specie differenti, sulla base di adattamenti forgiati dalla selezione naturale in funzione della sopravvivenza. Talora la vittima si divincola, strattona ma non è oggetto di pietà perché per un individuo affamato essa è solo uno stereotipato artificio destinato a soddisfare i suoi bisogni energetici. Alla aggressività del predatore si contrappone soltanto la capacità di fuga della preda e le strategie da essa impiegate per renderla realistica; in genere vale l'aforisma secondo cui un coniglio, inseguito da una lince, corre per la vita mentre questa ultima corre per assicurarsi un pranzo: le pressioni selettive sono più forti per la preda e ciò comporta che le sue strategie di sopravvivenza tendano, anche se di poco, a sopravanzare quelle del predatore, in una corsa continua agli armamenti che è fonte di raffinati adattamenti.
L'aggressività non si manifesta comunque soltanto all'interno del binomio predatore e preda in quanto essa può espletarsi anche come risposta a paure o a fobie. Solitamente un falco, una vipera o uno scorpione non tendono ad aggredire nessun altro organismo che non rientri nelle loro abituali prede, a meno che non sentano minacciato il loro spazio vitale (home range). In altri casi la risposta violenta è un modo di scaricare la tensione accumulata per effetto di situazioni frustranti; un maschio di lama, appena respinto nelle sue bramosie amorose da una femmina riluttante, non esita a sputare addosso al primo malcapitato che gli venga a tiro in modo da smorzare la tensione accumulata.
Esistono tuttavia altre forme di aggressività che si realizzano di norma tra soggetti appartenenti alla stesso gruppo; si tratta di comportamenti in genere messi in atto dai maschi per accedere ai favori sessuali delle femmine. Mentre nella lotta per l'appropriazione delle risorse, come il cibo o un rifugio sicuro, spesso chi perde va incontro alla morte, in quella per la conquista del partner chi è sconfitto non si riproduce; questo fatto comporta che le forme di aggressività connesse alla selezione sessuale sono in genere meno cruente. Comportamenti rituali hanno la funzione di trasferire gli scontri sul piano dell'esibizione piuttosto che su quello dell'applicazione della forza. In alcuni casi le contese tra maschi si limitano a mettere in evidenza caratteri vistosi e molto impegnativi, come per i pavoni lo sventagliare la coda; in altre situazioni il fare bella mostra di muscoli o di corna ramificate intimidisce i potenziali avversari. Generalmente anche se si giunge a degli scontri, una volta che l'avversario ha riconosciuto la propria sconfitta sottomettendosi, il vincitore non si accanisce col perdente, lasciandolo libero di allontanarsi; se la morte sopraggiunge, essa è spesso causata da infezioni che sopravvengono in seguito alle eventuali ferite precedentemente riportate.
Vi sono tuttavia altre manifestazioni di violenza che sono piuttosto inusuali nel mondo animale e che nei mammiferi si ritrovano tra alcune specie di iene, tra gli scimpanzé e tra gli uomini: si tratta di azioni cruente che vengono esercitate da un gruppo di individui verso altri consimili, in genere isolati, deboli o comunque indifesi, per il puro gusto di uccidere e vedere soffrire senza alcuno scopo che le possa in qualche modo giustificare. Alcuni ricercatori impegnati, sul campo, nello studio delle abitudini di vita degli scimpanzé, hanno assistito a vere spedizioni compiute da pochi individui che usciti dal proprio territorio sono penetrati in quello di un gruppo confinante alla ricerca di una potenziale vittima, abitualmente un maschio anziano o una sprovveduta femmina, allontanatasi dai suoi compagni alla ricerca di qualche squisitezza alimentare. L'attacco è in genere frutto di un agguato; la vittima non ha il tempo di fuggire né le serve alcuna espressione di sottomissione; in breve è circondata, dilaniata a morsi e a strappi, se è femmina viene stuprata. Compiuta l'impresa il gruppo di aggressori rientra velocemente nel proprio territorio per sfuggire ad eventuali ritorsioni, lasciando la vittima, agonizzante, ad attendere la morte che in genere sopraggiunge dopo poche ore.
Tra gli esseri umani gli atti di cieca violenza e di feroce accanimento su persone inermi sono ancora più frequenti e si manifestano sia in contesti di scontri pianificati, come può succedere nel corso di conflitti armati, sia in situazioni di vita quotidiana per opera di piccoli gruppi o di singoli individui che si avventano spietatamente su una persona inerme. Nella maggior parte dei casi i protagonisti delle efferatezze sono dei maschi spesso dominati da un'incontrollabile voglia di possesso, volontà di emergere, smisurato orgoglio.
Ma da dove traggono origine simili comportamenti? È stato osservato che nelle popolazioni di mammiferi ad organizzazione sociale complessa, come quella dei primati, le relazioni tra i membri del gruppo sono caratterizzate, per situazioni ambientali specifiche, da un ampio ventaglio di possibili soluzioni che vanno dall'ampia tolleranza (modello colomba) all'esacerbata aggressività (modello falco). La strategia che perdura nel tempo, quella cioè evolutivamente stabile, tende a mantenere entrambe le componenti caratteriali, anche se in percentuali diverse a seconda del contesto sociale o ambientale in cui essa opera, essendo le due espressioni pure (tutto colomba o tutto falco) soggette ad invadersi reciprocamente, risultando pertanto instabili. Atti violenti, che richiamano il modello falco, possono comunque sempre manifestarsi ad opera di individui, in genere di sesso maschile, che hanno i corpi confezionati a recepire le istruzioni genetiche, necessarie ma da sole non sufficienti, atte ad esprimerli.
I motivi per cui molti comportamenti aggressivi si sono selezionati tra gli esseri umani non andrebbero comunque ricercati, come spesso viene sostenuto, nella tendenza dei nostri lontani progenitori di sesso maschile a privilegiare la caccia tra le attività di approvvigionamento dei viveri, quanto nelle trame connesse alle lotte da loro sostenute per l'accesso alle femmine. Nelle popolazioni umane, pur essendo paritario il rapporto tra i sessi, le donne sono state in numero nettamente inferiore nella loro disponibilità a sostenere una relazione amorosa in quanto le gravidanze, l'allattamento, ma soprattutto il maggiore impegno nella cura dei piccoli e, caso specifico per gli umani, la menopausa le hanno spesso momentaneamente sottratte all'attività sessuale; i maschi, al contrario, hanno con maggiore continuità ricercato femmine con cui amorosamente dialogare. Tale squilibrata distribuzione delle disponibilità sessuali, cioè poche donne per tanti uomini, ha conferito alle nostre lontane antenate un certo vantaggio nello scegliere, tra i maschi, quelli con le caratteristiche migliori; per il contesto sociale ed ambientale in cui tale scelta avveniva, esse erano rappresentate da robustezza, possanza, una certa dose di aggressività, tutte doti idonee ad assicurare alle donne maggiore sicurezza e protezione nei confronti dei potenziali predatori, soprattutto quando era in gioco la cura dei bimbi, di per sé sempre molto lunga e faticosa.
Tuttavia, maschi possenti hanno finito con l'indirizzare il loro potere non solo verso i pericoli esterni ma anche nei confronti degli altri maschi, con l'obiettivo di vedersi assicurati i favori delle femmine più belle, assoggettandole con la forza lì dove si fossero mostrate ritrose. Il processo forse è stato favorito da una sorta di aggressività esplorativa in cui i maschi hanno inizialmente misurato quanto potevano utilizzare la loro aggressività per conquistare un rango elevato; se non trovavano adeguati contenimenti ai loro strumenti di sopraffazione, non esitavano ad incrementare i loro comportamenti violenti fino al raggiungimento della meta prefissata.
L'aggressività ha così trovato un buon terreno per essere selezionata, soprattutto lì dove l'organizzazione sociale primitiva non ha consentito di porre degli argini a tale tendenza. Per le donne probabilmente c'è stata una sorta di accettazione passiva del ruolo di soggetto sacrificale in quanto loro stesse hanno privilegiato la scelta di maschi aggressivi per difendersi dagli attacchi violenti degli altri maschi; inoltre le madri hanno teso a favorire nei figli tali caratteristiche in quanto offrivano loro maggiori possibilità di sopravvivere e di essere successivamente scelti dalle loro future mogli.
In un tale ipotetico scenario è lecito chiedersi se l'aggressività debba essere oggi percepita come un retaggio storico che continua a forgiare gli individui in un intreccio di aspetti biologici e culturali.
Lo studio di alcune comunità di scimmie offre tuttavia delle utili indicazioni sui possibili modi di frenare l'aggressività maschile. I bonobo, piccoli scimpanzé in forte rischio di estinzione, presenti in ristrette aree del Centro Africa, non posseggono aspetti particolarmente cruenti del loro carattere e soprattutto non esiste sopraffazione dei maschi nei confronti delle femmine, né sono state descritte spedizioni aggressive verso gruppi confinanti così come invece è stato rilevato per gli altri scimpanzé. I conflitti vengono risolti, in genere, con continue profusioni amorose ed i maschi non hanno particolari ranghi, né possono vantare il possesso di alcuna femmina. Il segreto di questa idilliaca soluzione è riposto nell'alleanza delle femmine che, al primo segnale di prepotenza maschile, fanno quadrato, difendendosi reciprocamente.
Ma cosa ha permesso alle femmine di bonobo di vincere la gelosia nei confronti delle altre femmine e di ricercare sicurezza nella loro alleanza piuttosto che nella scelta di un maschio fisicamente dotato? Alcuni primatologi hanno suggerito che un ruolo importante possa essere stato svolto dal contesto ecologico entro cui si sono realizzate le loro organizzazioni sociali. Con la riduzione delle foreste in seguito ad una delle periodiche fasi di riscaldamento della Terra, scimpanzé ed uomini hanno orientato le loro esigenze alimentari verso cibi di alta qualità ma più difficili da reperire, come frutti ed alimenti molto proteici; ciò ha determinato, sotto l'esigenza di esplorare un territorio più ampio, una frequente rottura e ricomposizione delle aggregazioni dei gruppi, impedendo alle femmine la costruzione di alleanze durature ed esponendole al rischio dell'aggressione da parte dei maschi violenti.
Per i bonobo la capacità di adattarsi a cibi poveri come l'erba o qualche arbusto, facilmente reperibili, ha permesso un'aggregazione stabile dei gruppi ed il rafforzamento delle alleanze tra femmine come risposta alle potenziali aggressioni dei maschi.
Nel caso degli uomini il quadro risulta enormemente più complesso in quanto la loro storia sociale si è intrecciata con processi selettivi naturali che hanno dotato i loro cervelli di una elevata capacità di modellare i comportamenti in funzione del contesto ecologico e sociale.
La stessa scelta femminile non ha finito con l'indirizzarsi solo verso il maschio forte e muscoloso, ma sono state apprezzate, nel tempo, doti come la generosità, l'altruismo, il senso morale. Tuttavia, ogni qual volta l'organizzazione sociale ha determinato la creazione di un ambiente favorevole all'affermazione dell'aggressività, questa non ha mancato di presentarsi con tutti i terrificanti aspetti di amplificazione che oggi la tecnologia le permette di espletare.
Le forme di appropriazione e distribuzione delle risorse, così come si sono storicamente affermate, hanno favorito l'affermazione di società imperniate sul potere maschile, quindi potenzialmente violente ed aggressive. Partendo soprattutto dalle esperienze tragiche vissute da singole donne, forse oggi si possano costruire momenti di reale convergenza nella denunzia di quegli aspetti della vita familiare e sociale, che sono frutto di modelli sociali imperniati sulla figura egemonizzante del maschio. Se poi le donne entrassero in maniera maggioritaria nelle istituzioni probabilmente si avvierebbe una profonda azione rinnovatrice liberando il quadro sociale da quegli elementi strutturali che rispondono ad un'ottica squisitamente maschile.
Recentemente una signora di un paese dell'Est europeo ha raccontato in un'intervista che è stata profondamente innamorata del marito che la malmenava e la sottoponeva ad ogni sorta di angherie anche perché, nel contesto sociale in cui viveva, quel comportamento non era ritenuto anormale ma soltanto un poco fuori le righe. Trasferitasi in Italia con la famiglia, dopo qualche mese non ha voluto sapere più nulla del marito, ma ancora oggi apprezza nei suoi figli maschi comportamenti che permettano loro di avere, nell'ambito delle loro future famiglie, un certo ruolo di dominanza. Le figlie che, per alcuni aspetti, si sono trovate in situazioni simili a quella della madre, hanno troncato ogni relazione con i loro partner violenti e possessivi nel volgere di poco tempo.
Le attuali democrazie, ponendosi come istituzioni non personalizzate ma soggette al vincolo del voto e della partecipazione paritaria dei due sessi, possono costituire, al momento, l'unica premessa per avviare un radicale cambiamento dell'organizzazione sociale umana, svincolandola dall'incubo della violenza. Tale processo deve trovare fondamento anche su una crescita culturale che porti a rifiutare quei comportamenti, espressi in maniera diversamente specifica da entrambi i sessi, che sollecitando in vari modi l'aggressività maschile, favoriscano le singole donne a scapito delle altre.
Un elemento di ottimismo deriva dalla constatazione che il Parlamento italiano ha saputo in questi anni emanare leggi su alcuni temi come il divorzio, l'adulterio, la riservatezza dei dati personali, l'aborto che sono preziosi per l'opera di rinnovamento.
J. J. Bachofen, rapportandosi ad una tradizione mitologica che rimandava ad un'epoca lontana retta dal matriarcato, riferisce di stati retti da donne, immuni da lotte intestine, avversi ad ogni perturbazione della pace, dove all'inimicizia cruenta era sostituita la conciliazione, così come all'odio l'amore. Nella visione conservatrice dell'autore questa epoca felice, governata dalla poesia e dall'idillio nella storia, era stata tuttavia soltanto il preludio all'avvento della nuova età dominata dai maschi, unici detentori di spiritualità e senso morale, in cui lo Spirito aveva finalmente trionfato sulla Natura. In opposizione a queste poco accertate ricostruzioni storiche e alle discutibili considerazioni finali, è auspicabile, rovesciando la sequenza degli eventi descritti da Bachofen, che un nuovo ambiente istituzionale e sociale, più rispondente alle esigenze delle donne, possa favorire l'affermazione di comportamenti maschili meno aggressivi e forse, per tale strada, contribuire a diminuire il tasso di violenza che attanaglia il genere umano e che è foriero di sciagurati destini.

Sui diversi temi affrontati in questo articolo si può fare riferimento alle seguenti indicazioni bibliografiche    libri

Torna in biblioteca