5. EPS EconomiaPoliticaSocietà:
Nuovi stranieri e nuovi italiani *
di Cinzia Conti**

Tornate all'indice degli articoli
Tornate alla sala saggistica

Qualche giorno fa l'Istat ha pubblicato il comunicato su "La popolazione straniera residente in Italia al 1o gennaio 2009".
I cittadini stranieri residenti in Italia sono ormai arrivati a 3,9 milioni, pari al 6,5% del totale dei residenti.
La popolazione straniera non soltanto continua a crescere (13,4% in più tra 2008 e 2009), ma si trasforma rapidamente, acquisendo nuove caratteristiche sia rispetto alla struttura per età (si registra un crescente numero di minori stranieri), sia con riguardo alla composizione per cittadinanza.

Collettività in passato poco presenti scalano velocemente la graduatoria delle cittadinanze più rappresentate nel nostro Paese. I moldavi, ad esempio, con un incremento del 30%, tra il 2008 e il 2009 sono passati da 69 a 89 mila, diventando la decima cittadinanza per numero di residenti: non erano neanche 7 mila, nel 2002. Si tratta in questo caso di un'immigrazione silenziosa che non desta scalpore per sbarchi drammatici o fatti di cronaca legati alla criminalità, ma che rapidamente si sta affermando come una delle più rilevanti in Italia.

Le recenti statistiche dell'Istat segnalano non solo la presenza di nuovi stranieri, ma anche quella di un numero sempre più consistente di persone che lasciano la condizione di straniero per diventare italiani: nel 2008 si sono registrate quasi 54 mila acquisizioni di cittadinanza, oltre 8.000 in più rispetto al 2007. Certo in Italia, in confronto ad altri paesi europei, coloro che acquisiscono la cittadinanza sono ancora un numero contenuto, ma il fenomeno cresce rapidamente.

I dati recenti ci dicono quindi di continuare a osservare i fenomeni migratori studiandone le rapide trasformazioni, ma ci suggeriscono anche di prestare maggiore attenzione a nuovi fenomeni e categorie, collegati con quello dell'immigrazione, ma caratteristici di un Paese, ormai, non più "nuova meta di immigrazione", come si diceva fino a qualche anno fa, ma sempre più spesso terra di accoglienza di "nuovi cittadini".

Tabella
Tabella - Popolazione straniera residente per sesso, area geografica e principali paesi di cittadinanza, al 1o gennaio 2009

* Pubblicato su Neodemos.it il 14/10/2009
** L'autrice è ricercatore presso l'Istat, Istituto nazionale di statistica, Direzione centrale per le statistiche e le indagini sulle istituzioni sociali.

Torna in biblioteca